ProssimitA� ed empatia, il contributo degli infermieri e il bisogno di salute dei cittadini

Postato il 12 Ott 2017
By :
Comment: Off

 

 

Il contributo fondamentale degli infermieri nel processo di riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale abruzzese e nella risposta ai bisogni di salute dei cittadini. Dalla��incremento delle risorse umane alla presa in carico globale e integrata del paziente. Dalla��istituzione del dipartimento delle professioni sanitarie e della figura della��infermiere case manager, con il compito importante di coordinare il percorso di cura del malato, alla��attivazione di nuovi modelli organizzativi che prevedano il potenziamento della��assistenza ambulatoriale medica e infermieristica.

Se ne A? parlato oggi, venerdA� 6 ottobre 2017, durante la��incontro a�?La prossimitA� e l’empatiaa�?organizzato dal Collegio provinciale Ipasvi di Pescara, presieduto da Irene Rosini, alla��interno della��Auditorium Petruzzi in via delle Caserme (Pescara). Per migliorare e rispondere alle esigenze e ai bisogni dei cittadini in ambito sanitario, la Regione Abruzzo sta riorganizzando la rete ospedaliera e territoriale. Il collegio provinciale IPASVI di Pescara A? presente al tavolo di riorganizzazione della��assistenza territoriale istituito presso la��Agenzia sanitaria regionale.

Stamattina, di fronte a una platea variegata, composta tra gli altri da Annalisa Silvestro, senatrice Pda�� Componente Federazione Nazionale Ipasvi, Silvio Paolucci, Assessore alla SanitA� della Regione Abruzzo, Alfonso Mascitelli, direttore della��Agenzia Sanitaria regionale, e Armando Mancini, direttore generale Asl Pescara, la��IPASVI di Pescara ha chiesto la��implementazione di nuovi modelli organizzativi e assistenziali. La��obiettivo A? il potenziamento della��assistenza sanitaria abruzzese e una migliore integrazione tra ospedale e territorio. A? stato dimostrato, infatti, che in molte realtA� nazionaliuna diversa organizzazione delle attivitA� infermieristiche ha contribuito notevolmente alla qualitA� dei servizi erogati.

a�?Il nuovo atto aziendale della Asl di Pescara a�� ha spiegato Irene Rosini, presidente del collegio IPASVI di Pescara a�� ha previsto la��istituzione della��unitA� operativa complessa delle professioni sanitarie. Diamo merito alla giunta regionale di aver ascoltato le istanze degli infermieri abruzzesi e di garantire la��applicazione di percorsi assistenziali condivisi che puntano alla��integrazione tra tutte le figure professionali. Tuttavia, affinchA� migliori davvero la qualitA� della��assistenza sanitaria, A? necessario iniziare a investire anche sul personale oltre che sulla strumentazione. In Abruzzo, in base a uno studio recente, il numero medio di infermieri a disposizione per ogni paziente A? di un infermiere per undici utenti, a fronte di un rapporto ottimale di uno a sei. Occorre quindi implementare le risorse umane, visto che un minor carico di pazienti per singolo infermiere si traduce in una importante riduzione di mortalitA�a�?.

Alla��incontro a�?La prossimitA� e l’empatiaa�? sono intervenuti come relatori il vice presidente IPASVI Pescara Alessio Sichetti, Pio Lattarulo (Docente di etica e bioetica Tor Vergata Roma e dirigente delle professioni sanitarie Asl Taranto), Anna Banchero e Simone Furfaro (Agenas Roma), Marika Colombi (Responsabile assistenziale dipartimentomedicoechirurgico, direzione infermieristica e tecnica Asl Ferrara),A� Mirella Scimia (Dirigente medico responsabile assistenza intermedia Asl Pescara), Irene Rosini (Presidente Collegio Ipasvi di Pescara) la sessione A? stata moderata dal Vice presidente Ipasvi Pescara Alessio Sichetti.

Alla tavola rotonda a fine dibattito, invece, A? stata ribadita la volontA� di coinvolgimento degli infermieri in tutti i tavoli tecnici mirati al miglioramento della��assistenza sanitaria. Armando Mancini, direttore generale della Asl di Pescara, ha offerto la propria disponibilitA� ad avviare la programmazione per la��attivazione degli ambulatori infermieristici e gli ospedali di comunitA�, anche se come ribadito dal direttore generale e dalla��assessore Paolucci la��aspetto piA? importante A? la mancanza a Pescara di strutture sanitarie in grado di accogliere sia gli ambulatori e sia gli ospedali di comunitA�. E mentre la senatrice Pd Annalisa Silvestro ha sottolineato a�?i tanti passi in avanti fatti dalla Regione Abruzzo, che ha dimostrato con le ultime leggi e delibere di avere lo sguardo rivolto al futuroa�?, A? stato posto la��accento sulla necessitA� di adeguare le risorse umane al carico assistenziale. Mascitelli, oltre ad aver illustrato come a breve sarA� licenziato un documento dalla��Agenzia sanitaria regionale per la��accreditamento delle strutture che erogano la��assistenza domiciliare, ha confermato la��istituzione di un tavolo per individuare le prestazioni infermieristiche da attribuire al nomenclatore tariffario regionale, come richiesto ad aprile dal Collegio Ipasvi di Pescara.

About the Author